Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

BANDO PUBBLICO PER OPERE D’ARTE DA ESPORRE NELLA RESIDENZA E NELL’AMBASCIATA D’ITALIA IN BELARUS

Allo scopo di rinsaldare i legami culturali e sociali tra Belarus e Italia, sostenere gli artisti locali e arricchire gli arredi di proprietà, L’ Ambasciata d’Italia nella Repubblica di Belarus rende noto che è interessata a ricevere proposte di opere d’arte (pittura, scultura, installazioni o altro, inclusi i video) da artisti locali, per valutare possibili opere da fare realizzare in via esclusiva e poi da esporre negli uffici della cancelleria diplomatica, della cancelleria consolare e in Residenza. Il contributo forfettario che verrà riconosciuto per la realizzazione di ciascuna delle opere selezionate è pari a 1000 €.

Le proposte di opere d’arte devono essere consegnate o spedite all’Ambasciata in forma cartacea.  Esse devono necessariamente essere realizzate in forma di progetti o foto in formato A4, schizzi, schemi, o ogni altra forma di indicazione progettuale della futura opera. Formati diversi da A4 non verranno considerati.

Le proposte dovranno indicare la tecnica di realizzazione dell’opera, le misure definitive e ogni altro elemento tecnico ed estetico che renda comprensibile il risultato finale che l’artista ha concepito. Per eventuali opere multimediali e video, la descrizione deve comprendere lo schermo (tipo, misure) e gli altri apparati per la riproduzione dell’opera. Le proposte possono eventualmente essere accompagnate da un testo di massimo una pagina, in bielorusso, italiano o russo. Per i video si può includere il link ad un trailer.

Sul retro le proposte devono indicare nome e cognome dell’artista o degli artisti e una mail di contatto. In caso di opere singole realizzate da più artisti, i nomi indicati sul progetto costituiscono il collettivo artistico sui viene devoluto il contributo forfettario. Dietro il progetto deve essere aggiunta una dichiarazione liberatoria (disclaimer) che autorizzi l’Ambasciata a condividere il progetto con la commissione di valutazione e eventualmente pubblicare il progetto sul proprio sito e sui propri canali social, anche durante la selezione e anche se il progetto non verrà selezionato per la realizzazione dell’opera, senza alcun impegno contrattuale.

Le proposte di opere d’arte (progetti o foto A4) possono riguardare anche opere esistenti e già realizzate, purché pezzi unici ancora di proprietà dell’artista. Non sono ammesse opere che fanno parte di una ‘serie o prova d’Autore’ e che non sono uniche.

Possono partecipare tutte e tutti gli artisti bielorussi o con un forte radicamento in Bielorussia, che siano quindi espressione del mondo artistico e culturale locale.

L’Ambasciata favorisce il dialogo diretto e si attende preferibilmente proposte da parte degli artisti stessi, anche se essi si avvalgono di solito della intermediazione di gallerie d’arte.

Ogni artista può proporre fino a un massimo di 5 progetti.

La presentazione di uno o più progetti non implica alcun impegno da parte dell’Ambasciata verso l’artista o verso chiunque altro, e non può in alcun modo essere intesa come commissione tacita alla esecuzione dell’opera o al pagamento di un compenso o ad altre forme di riconoscimento.

La presentazione dei progetti deve avvenire entro il 30 giugno 2024. L’Ambasciata si riserva il diritto di prorogare tale termine.

CRITERI DI SELEZIONE DEI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE

L’Ambasciata è libera di selezionare i progetti che ritiene più vicini allo scopo di questo bando, più adeguati e appropriati al decoro e all’immagine pubblica di essa stessa e comunque più confacenti alle finalità istituzionali e in generale alla promozione dei legami bilaterali.

I criteri che incideranno maggiormente nella valutazione dei progetti sono:

Per il 30%: Originalità

Per il 50%: Ispirazione a temi che direttamente o indirettamente rimandano all’Italia (in senso molto ampio, in base all’ispirazione dell’artista: ad esempio panorami, vedute, architetture, volti, atmosfere, modi di vita e ogni altro aspetto evocativo, a seconda della sensibilità dell’artista)

Per il 20%: Carattere fondante, stabile e duraturo del tema o del soggetto trattato (per evitare opere eccessivamente legate al singolo momento storico).

Le proporzioni indicate sono solo orientative e l’Ambasciata si riserva comunque il diritto di selezionare la o le opere da eseguire a suo insindacabile giudizio e apprezzamento, e la o le selezioni non potranno in alcun modo essere oggetto di rilievi, ricorsi o contestazioni.

REALIZZAZIONE DELLE OPERE SELEZIONATE

L’Ambasciata contatta l’artista o gli artisti che hanno presentato i progetti selezionati e firma con loro un contratto che stabilisce i tempi e i modi di realizzazione delle opere, ovvero le modalità di cessione delle opere già realizzate e comunque selezionate. Per contratto le opere realizzate o acquisite diventano proprietà esclusiva dello Stato italiano, con cessione piena e incondizionata di tutti i diritti su di esse. Non sono ammesse opere che fanno parte di una ‘serie d’Autore’ e che non sono uniche.

Dopo la firma di tale contratto l’artista riceve il 50% del contributo alla realizzazione dell’opera (500€). Il rimanente 50% (500€) viene consegnato alla consegna dell’opera. Alla consegna dell’opera l’artista o gli artisti consegnano anche i certificati di autenticità previsti dalla legge bielorussa e ogni altro documento di legge che sia necessario per perfezionare il passaggio di proprietà dell’opera.

DESTINAZIONE DELLE OPERE SELEZIONATE

L’Ambasciata d’Italia destina le opere realizzate ad arricchire i propri uffici e la Residenza, ascoltando se del caso anche i suggerimenti dell’artista per una migliore collocazione, ma senza vincolarsi a tali consigli.

Le opere saranno visibili ed esposte agli ospiti dell’Ambasciata d’Italia e saranno adeguatamente valorizzate, se del caso tramite iniziative specifiche, anche tramite il sito e i social.

L’Ambasciata è libera di destinare le opere in modo temporaneo ad iniziative esterne ai suoi locali (mostre). Trattandosi di acquisizioni dello Stato italiano, l’Amministrazione centrale può disporne di diritto qualunque destinazione (trasferimento in Italia, trasferimento ad altre Sedi, vendita).

APPENDICE: EVENTUALI DONI DI OPERE

L’Ambasciata, cui sono già stati destinati numerosi doni artistici in passato, sottolinea con l’occasione è lieta di ricevere proposte di dono di opere d’arte. Tuttavia è importante precisare che l’Ambasciata si riserva di non accettare eventuali altre opere diverse da quelle selezionate, che fossero offerte come dono allo Stato italiano, a suo insindacabile giudizio e senza alcun obbligo di motivazione, qualora esse fossero considerate per insindacabili motivi non compatibili con la missione del presente ufficio, non adeguatamente decorose o di standard qualitativi non adeguati. In nessun modo il presente bando può essere interpretato come un impegno precontrattuale né può in alcuna misura o maniera obbligare l’Ambasciata d’Italia nella Repubblica di Belarus ad accettare doni di opere.